Per poter rispondere alla domanda su quanto costa un sito web, bisogna necessariamente conoscere quali sono le caratteristiche principali che ogni sito deve avere.

Quindi, proveremo ad ipotizzare quali possono essere i costi di un sito web professionale, solo alla fine di questo articolo, dopo aver compreso cosa non può assolutamente mancare all’interno di un sito

Altrimenti, come potresti essere in grado di valutare un preventivo per la realizzazione di un sito web?

La struttura del sito

Il primo aspetto fondamentale di cui bisogna tener conto quando si deve realizzare un sito è la sua struttura, chiamata anche alberatura.

Avere un’ottima struttura all’interno del tuo sito ti permetterà di raggiungere due risultati fondamentali:

  • Permette ai tuoi utenti di navigare il sito con estrema facilità, in gergo si chiama user experience
  • Permette ai motori di ricerca (google in primis) di indicizzare in maniera più efficace il tuo sito

Per delineare la struttura del tuo sito si utilizzano due elementi:

  • Il menù principale
  • Il Footer (la parte che si trova alla fine di ogni pagina del tuo sito, solitamente di colore tendente al nero e che spesso contiene al suo interno un ulteriore menù)

In pratica quello che devi fare è dividere il tuo sito in aree ben distinte, ognuna di esse tratterà argomenti specifici in maniera verticale.

Queste aree costituiranno le voci del tuo menù principale ed al loro volta, possono contenere al loro interno, dei sotto menù che tratteranno argomenti ancora più specifici ma facenti parti della stessa area.

 

struttura di un sito web

Prima importante conclusione

Se hai ricevuto un preventivo per la realizzazione di un sito web e non hai trovato una voce che tratta delle realizzazione della struttura del tuo sito, e se nessuno ti ha chiesto quali sono le macro aree che intendi trattare all’interno del tuo sito, devi iniziare a preoccuparti seriamente.

Personalmente, in tanti anni, ho visto consegnare dei siti con voci di menù generiche chiedendo al cliente di scegliere queste voci a sito ultimato.

Iniziare subito a lavorare in ottica SEO

Pensare che in fase di realizzazione di un sito web non si debba fare alcuna attività in ottica SEO è un altro degli errori più comuni.

Anche se non hai in programma di mettere in atto, nell’immediato, una strategia SEO, tutte le pagine che compongono il tuo sito devono essere costruite lavorando su una determinata parola chiave e seguendo il più possibile le regole della SEO ON PAGE.

Ho scritto il più possibile, perché molte volte le pagine di un sito non sono destinate ad avere molto testo, questo va in contrasto con una delle regole della SEO ON PAGE.

Infatti ogni pagina dovrebbe contenere almeno un testo di 300 parole.

Sarebbe bene riuscire a sforzarsi affinché questo accada ma, se non è possibile, non vuol dire che non debba essere ottimizzato tutto il resto.

Nell’immagine qui sotto puoi vedere alcune tra le più importanti regole di ottimizzazione di una pagina di un sito.

 

Alcune regole della Seo on page

Seconda importante conclusione

Se hai ricevuto un preventivo per la realizzazione del tuo sito web ma:

  • Non è stata menzionata la ricerca delle migliori parole chiave per ogni singola pagina del tuo sito.
  • Non è specificato che ogni pagina sarà realizzata secondo le regole delle SEO ON PAGE.

anche in questo caso devi iniziare a preoccuparti.

Leggi il mio articolo sulla seo on page se vuoi imparare ad ottimizzare le pagine del tuo sito web

I Form di Contatto

Sai qual’è lobbiettivo principale del tuo sito internet?

Se la tua risposta è vendere, è sbagliata.

Vendere è il tuo obbiettivo, ma potrai raggiungerlo attraverso l’utilizzo di altri strumenti di web marketing e la vendita potrà concretizzarsi all’interno del tuo sito o in alcuni casi anche offline.

Ma quando parlo di obbiettivo del sito intendo dire l’azione che tu vuoi che gli utenti eseguano quando arrivano sul tuo sito.

Quando un utente arriva sul tuo sito, prima di uscire, deve averti lasciato il suo indirizzo mail.

Questo è quello che vuoi più di ogni altra cosa.

Questo è il vero obbiettivo che devi prefissarti per il tuo sito.

Per raggiungere tale scopo, è necessario inserire all’interno di ogni pagina strategica, un form di contatto.

In molti casi è utile anche valutare l’inserimento di popup.

Puoi fare in modo che il popup compaia appena un utente arriva sul tuo sito, o prima di abbandonare il sito, o al verificarsi di  determinate circostanze durante la navigazione.

Avevi mai pensato che la funzione principale del tuo sito è quella di acquisire nuovi contatti?

Se hai già un sito, sono presenti dei form di contatto? Quanti? Dove sono posizionati?

Hai inserito dei Form sul tuo sito?
Sono presenti in tutte le pagine più importanti del tuo sito?
Sono collegati al tuo software di gestione automatica delle mail?
Ricordati che puoi chiedermi assistenza sul tuo sito WordPress e se si tratta di piccole cose è completamente gratuita.
Se vuoi verificare la situazione dei tuoi form di contatto sul tuo sito invia una mail cliccando qui.

Sito Responsive

Ormai non esiste offerta per la realizzazione di un sito web che non porti la voce: sito responsive

Con questa voce si intende dire che l’estetica del tuo sito e soprattutto la fruibilità da parte degli utenti sarà ottimale sia che si colleghino da desktop che da tablet che da smartphone.

In questo caso la raccomandazione che posso farti è una sola.

Verifica a lavoro ultimato che veramente il tuo sito corrisponda a quanto promesso in fase di preventivo.

Tale verifica deve essere effettuata soprattutto da smartphone, il tuo sito deve essere più bello e soprattutto più funzionale da smartphone che da desktop perchè oggi almeno i 70% delle visite che riceverai sul tuo sito saranno tramite smartphone.

Questo è un dato medio, questa percentuale può variare a seconda della tipologia di business che tu hai, sarà tua cura verificare gli analytics del sito e capire da quale piattaforma ricevi più traffico e concentrare gli sforzi in tal senso.

sito responsive

Codici di tracciamento

L’ho già scritto e lo ripeto, indipendentemente dal fatto che tu voglia iniziare immediatamente a mettere in atto qualche strategia di web marketing o che tu voglia rimandare queste azioni ad un momento successivo, il sito deve essere realizzato pensando alle strategie che in futuro dovrai mettere in atto.

Con il medesimo intento, il sito, deve iniziare a raccogliere dati che ti torneranno molto utili il giorno che vorrai iniziare a fare sul serio con il web marketing.

Per affinare le tue tecniche di web marketing nel tempo l’attività di analisi è infatti fondamentale.

Quali sono gli strumenti migliori di cui hai bisogno sfruttare le visite sul tuo sito web?

  • Il pixel di Facebook
  • Il codice di tracciamento di google

Entrambi hanno la stessa funzione, servono per tracciare le visite sul tuo sito e devono essere installati sin dal primo giorno in cui sarai online.

Esempio (banale) di utilizzo dei codici di tracciamento

Hai una sezione del tuo sito dedicata alla vendita di matite.

Vendi solo due tipi di matite, di colore blu e di colore rosso.

All’interno della voce del tuo menù principale “vendita matite” hai due sottocategorie: “matite blu” e “matite rosse”.

Per ognuna delle due voci hai una pagina dedicata.

Se sul tuo sito hai installato il Pixel di Facebook puoi andare a creare – per la tua pagina su facebook – un pubblico personalizzato.

Puoi creare – ad esempio – un pubblico per tracciare tutte le persone che negli ultmi 180 giorni hanno visitato la pagina delle matite rosse ed un pubblico che nello stesso periodo ha visitato la pagina delle matite blu.

 

Vuoi sapere qual’è la differenza tra l’aver ed il non aver installato il Pixel di Facebook dal primo giorno?

Il giorno che hai deciso di mettere online il sito, probabilmente, non avevi in mente di fare un’inserzione a pagamento su Facebook per pubblicizzare le tue matite di colore blu.

Dopo 4 mesi, per incrementare le tue vendite, ti sei reso conto che forse è il caso di fare un pò di promozione.

Se avevi installato il tuo Pixel di Facebook, ti troverai un pubblico di utenti che hanno visitato la tua pagina dove parli di matite blu.

Chi ha visitato la tua pagina vuol dire che ha un certo interesse per quell’articolo.

Potrai quindi subito andare a mostrare la tua offerta ad un pubblico targhettizzato invece di iniziare da zero sparando nel mucchio.

È interessante anche sapere che su Facebook, hai la possibilità di ampliare il pubblico di persone che hanno visitato la tua pagina dove parli di matite blu, facendo creare a Facebook un pubblico simile di grandi dimensioni.

Questo pubblico che verrà generato da Facebook per te prende il nome di lookalike

Ovviamente puoi fare lo stesso procedimento per la pagina che tratta le matite di colore rosso.

Puoi anche creare un pubblico di utenti che ha visitato entrambe le pagine o almeno una delle due, le opzioni sono tante.

Per quanto concerne il codice di tracciamento delle coversioni di Google il ragionamento è più o meno identico ma leggermente più complesso.

Infatti se vorrai creare in futuro delle campagne di remarketing dovrai tracciare le conversioni di un certo rilievo che avvengono sul tuo sito.

Infine sempre da Google ci viene fornito il codice di tracciamento di Google Analytics che serve per monitorare tutte le visite sul nostro sito web.

Alcuni dati utili che puoi rilevare con il codice di tracciamento di Goolge Analytics:

  • se stiamo generando traffico sul sito
  • quali sono gli argomenti più interessanti per gli utenti
  • quanto è il tempo di permanenza medio sul sito e sulle singole pagine
  • quali sono le pagine di atterraggio e di uscita dal tuo sito
  • la frequenza di rimbalzo
  • molto altro ancora

Nel tuo sito sono presenti questi codici di tracciamento?

Collegamento con i Social

Passare dal tuo sito web alle tue pagine social deve essere semplice ed intuitivo.

Questo vuol dire che i pulsanti di collegamento con le tue pagine social devono essere messi bene in evidenza.

Ma non basta.

Il mio consiglio è quello di far installare sul tuo sito il chatbot di facebook messanger per fare in modo che gli utenti possono inviarti un messaggio direttamente mentre navigano sul tuo sito web.

Ottimizzazione delle immagini

Ancora un piccolo accenno alla SEO.

La velocità di caricamento del tuo sito inciderà in maniera molto importante sul posizionamento SEO.

Se le immagini non vengono caricate nella maniera corretta, possono rallentare in maniera notevole il caricamento del tuo sito.

Ogni immagine che viene caricata non dovrebbe pesare più di 100 kb

Se sul tuo sito hai caricato molte immagini che pesano addirittura 1 o 2 Mb se non di più, stai dando probabilmente un colpo mortale alla sua velocità di caricamento.

Nella pratica quindi quando carichi sul tuo sito delle immagini puoi procedere in due modi:

  • Ridurre il peso delle immagini prima di caricarle – esistono molti tools anche online e gratuiti attraverso i quali puoi ridurre il peso delle immagini
  • Caricare le immagini ed installare sul tuo sito un plugin che comprime ottimizza in automatico le tue immagini (se usi WordPress)

Quante immagini hai caricato sul tuo sito? Ne conosci il peso e sai se stanno rallentando il caricamento delle tue pagine?

Gestione dei pagamenti – Se necessaria

La gestione dei metodi di pagamento è un’altra fase molto importante per siti che prevedono questa eventualità.

Ovviamente questa funzione è necessaria per gli e-commerce, ma chiunque può avere la necessità di vendere un determinato prodotto o servizio su un sito che non sia propriamente un e-commerce.

In questo caso le accortezze che bisogna avere sono abbastanza banali ma non così scontate nella pratica.

Ecco cosa devi controllare qualora nel tuo sito ci sia la necessità di gestire i pagamenti:

  • Banalmente, che i collegamenti con i vari metodi di pagamento funzionino
  • Che per il cliente sia intuitivo concludere il pagamento e che questo si possa realizzare in meno passaggi possibili.
  • Dare la possibilità di pagare anche a clienti non registrati sul tuo sito ed incorporare i suoi dati per la registrazione al momento del checkout.

Se deciderai di gestire i metodi di pagamento, dovrai quindi prevedere anche la possibilità di far iscrivere i tuoi utenti al sito.

In tal caso le accortezze sono le seguenti:

  • Banalmente, che il form di iscrizione funzioni correttamente
  • Prevedere se vuoi che gli utenti possano iscriversi anche attraverso i loro profili social ed eventualmente stabilire quali.
  • Decidere a quali dati avranno accesso i tuoi utenti una volta loggati.

Come vedi, quando decidi di accettare dei pagamenti sul tuo sito le variabili che entrano in gioco sono molte e questo inciderà in maniera direttamente proporzionale sui costi di realizzazione del sito web, come vedremo nel dettaglio nell’ultimo paragrafo.

Riassunto degli elementi fondamentali per il tuo sito web

Quindi, al fine di poter valutare un preventivo per la realizzazione del tuo sito internet e finalmente poter rispondere alla domanda: quanto costa un sito web, devi prima di tutto accertarti che siano presenti le seguenti voci:

  • Studio e realizzazione struttura del sito web.
  • Creazione del menù principale e del menù del footer in base a quanto emerso al punto precedente
  • Individuazione di una Keyword per ogni pagina del sito
  • Creazione dei contenuti delle pagine secondo il criterio della SEO ON PAGE
  • Individuazione dei punti strategici dove inserire dei Form di Contatto e loro realizzazione.
  • Verifica della necessità di inserire popup, della loro modalità di comparsa sul sito e susseguente creazione.
  • Collegamento alle pagine Social, creazione ed installazione del ChatBot di Facebook Messanger
  • Inserimento ed ottimizzazione delle immagini
  • Inserimento del codici di tracciamento di Facebook e Google

Ovviamente, gli elementi che puoi aggiungere al tuo sito sono molti altri.

Dipendono dal tuo business e dalle tue necessità, ma di base, un sito internet deve contenere come minimo tutti i punti sopra elencati.

Non so se tu adesso stai pensando che questo sia ovvio o meno, ma ti assicuro che nella pratica, in molti anni, ho visto siti realizzati che non avevano neanche il il 30% di tutto questo.

Quanto costa un sito web: Conclusioni

Premessa numero 1:

I costi che andrò ad elencarti riguardano siti realizzati in WordPress, perché è il CMS che io ti consiglio per la realizzazione del tuo sito, ed è quello che io utilizzo.

Tuttavia, a mio parere, anche siti realizzati utilizzando altri CMS non dovrebbero discostarsi molto da quanto andrò ad elencarti.

Diverso è il discorso che riguarda siti su progetti particolari e che richiedono una totale personalizzazione come, solo per fare un esempio, solitamente accade per i portali.

Premessa numero 2:

Il range di prezzo che indicherò qui sotto è riferito a siti web che contengono al loro interno tutte le accortezze di cui abbiamo parlato fino ad ora.

Infatti sia per un sito ad una pagina che per siti di oltre 10 pagine o a maggior ragione per siti e-commerce tutti gli aspetti che abbiamo visto in questo articolo sono necessari.

Tale premessa era forse scontata ma è bene ribadirlo.

Andiamo adesso a rispondere, finalmente, alla domanda e cerchiamo di capire il costo di un sito web professionale:

  • Sito ad una pagina: costo minimo 100 € – costo massimo 300 €
  • Sito di 3 Pagine: costo minimo 300 € – costo massimo 600 €
  • Sito di 5 pagine: costo minimo 400 € – costo massimo 700 €
  • Sito di 10 pagine: costo minimo 600 € – costo massimo 1200 €
  • Sito e-commerce: costo minimo 1000 € – costo massimo 3000 €

Lo scarto tra il prezzo minimo dipende da eventuali ulteriori personalizzazioni che potresti richiedere. 

Un esempio in tal senso, come abbiamo visto, potrebbe essere quello della gestione dei pagamenti. 

Se prendiamo un sito di 5 pagine come esempio, il costo che ho indicato come minimo non comprende la gestione dei pagamenti. Qualora fosse richiesta farebbe aumentare il costo del sito che comunque sia non dovrebbe mai superare i 700 €

Per quanto concerne invece  il costo di un sito di e-commerce, i prezzi sono comprensivi di circa 25 prodotti pre caricati.

Solitamente per i prodotti eccedenti si può scegliere di inserirli in maniera autonoma o si può richiedere l’inserimento allo sviluppatore concordando una tariffa per ogni prodotto inserito.

Ancora in merito ai siti e-commerce, il range minimo di prezzo che ho indicato comprende le funzionalità di base che normalmente vengono richieste all’interno di tali siti.

A seconda della tipologia di prodotto e delle esigenze possono essere richieste funzionalità aggiuntive che possono portare il prezzo a tendere verso il range massimo che ho indicato.

Alcune considerazioni finali

Il range di prezzi che ti ho indicato riguarda la realizzazione di siti web realmente professionali e molto funzionali.

Quindi il mio consiglio spassionato qualora ti trovassi nelle condizioni di dover valutare un preventivo è il seguente:

  1. Accertati che il sito presenti tutti gli elementi di cui abbiamo parlato in questo articolo sia in fase di preventivo che, a maggior ragione in fase di consegna.
    A tal proposito è molto utile affidare la realizzazione del sito a chi prevede la formula soddisfatto o rimborsato.
  2. Se il preventivo soddisfa le tue richieste di programmazione ed il prezzo è più alto di quello che ti ho indicato puoi pensare che il lavoro finale sarà di qualità ma sai che potresti trovare lo stesso risultato ad un prezzo minore.
  3. Se il preventivo soddisfa le tue richieste di programmazione ed il prezzo è più basso di quello che ti ho indicato ti consiglio di non farti prendere dalla frenesia di risparmiare un centinaio di euro e di chiedere altri preventivi.
    I lavori di qualità costano e quei cento euro che pensi di aver risparmiato con molta probabilità li pagherai in futuro con gli interessi.
Hai bisogno di un sito web professionale ad un costo giusto e consegnato in pochi giorni?
Potrai avvalerti anche della garanzia “soddisfatto o rimborsato”
Condividi questo contenuto